Studentesse contro sessismo

sessismo.png

Le studentesse universitarie di Cagliari e di Palermo che nei giorni scorsi hanno manifestato contro la strumentalizzazione del “Corpo delle donne” ai fini pubblicitari, richiamano la responsabilità delle istituzioni perché si mettano in atto strumenti per evitare che questo accada.

Il meccanismo a cui la pubblicità ricorre, denunciato dalle studentesse, è “l’oggettivazione della donna”, una particolare forma di deumanizzazione per cui alla donna viene negata una soggettività e viene considerata solo per il suo utilizzo ai fini sessuali o per conferire status al maschio.
Legare l’immagine femminile ad oli e lubrificanti, abbinare corpi femminili, magari mezzo nudi o in atteggiamenti seduttivi o simulando scene di violenza per pubblicizzare un paio di jeans o di scarpe o una macchina o una supposta o una lavatrice, hanno in comune lo stesso meccanismo che sottintende al messaggio pubblicitario: le donne diventano strumenti per gli scopi di altri, merce di scambio, considerate una cosa di proprietà, non riconosciute nella propria autonomia, nella loro capacità di agire. Prive di confine e quindi violabili, divisibili, da fare a pezzi. Negate nella personalità, trascurate nei sentimenti.

Quando leggiamo dei femminicidi ad opera di mariti o ex compagni che non si rassegnano alla fine di una relazione e ammazzano per non perdere il possesso; la storia delle ragazzine che filmano lo stupro dell’amica non stiamo parlando di oggettivazione del corpo femminile? Per non parlare dei disturbi alimentari delle adolescenti, e l’anoressia disturbo mentale legato all’immagine distorta del corpo femminile dato dai media? Stiamo parlando di problematiche complesse, difficili, dolorose a cui occorre porre rimedio mettendo mano ai processi culturali ed educativi dove un ruolo centrale è assegnato alla famiglia, alla scuola e alla responsabilità delle istituzioni.

Rita Corda

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...