DPG: Appello della Società Sarda

e8cf0c22aeeee50deae80e22f72d7d9d.jpg

Cari Consiglieri Regionali, NON BRUCIATE IL FUTURO DELLA SARDEGNA

Martedì 21 novembre sarà una data da ricordare per la Democrazia Paritaria della Sardegna. La possibilità di conferire o togliere dignità a questa data è nelle mani, nell’intelligenza e nella coscienza di 60 onorevoli cittadini, eletti con una legge elettorale vecchia e discriminatoria che ha consentito a sole 4 donne di accedere alla massima Assemblea Regionale. Un gap rappresentativo che ha tracciato l’evidente distacco fra la classe politica e il mondo femminile.
Autorevoli rappresentanti della società civile, istituzionale, culturale e accademica della Sardegna si uniscono alla battaglia che il “Coordinamento3 – Donne di Sardegna” sta portando avanti in favore del recepimento della L. n.20/2016 che disciplina l’adeguamento delle leggi elettorali nelle singole regioni, laddove previsto il sistema delle preferenze, con l’introduzione della Doppia Preferenza di Genere. L’approvazione della norma, risolverebbe il vulnus costituzionale insito in un’ eventuale mancata attuazione.
Pertanto, un vivo apprezzamento ai Consiglieri che si sono schierati da subito a favore della nostra rivendicazione, nei contenuti, nelle forme e nei tempi ed un appello a quanti invece, refrattari all’affermazione dei diritti di democrazia e civiltà, perderanno l’occasione per superare il proprio egoismo e contribuire realmente all’ emancipazione della nostra Regione. Se la doppia preferenza di genere martedì verrà bocciata con voto segreto, come le ultime manovre ci inducono a credere, i responsabili di tale insolente violazione del diritto, sappiano che non solo non avranno mai il nostro voto, ma che la lista coi loro nomi verrà divulgata pubblicamente durante le campagne elettorali allo scopo di indurre tutte le elettrici e gli elettori della Sardegna ad una scelta politica superiore, rassicurante eticamente, portatrice di trasparenza e progresso, di libertà, legalità, serietà e rispetto. Cari Consiglieri, non bruciate il futuro della Sardegna.

Cagliari 19 novembre 2017

 

Cramada de sa Sotziedade Sarda

Cussigeris Regionales Istimados NON BRUSIEDAS SU VENIDORE DE SA SARDIGNA

Martis 21 de su mese de Onniassantu at a èssere una die de ammentare pro sa Democratzia Paritària de sa Sardigna. Sa possibilidade de donare o leare dignidade a custa die at a èssere in sas manos, in s’abistèntzia e in sa cuscèntzia de 60 tzitadinos onorevoles, eletos cun una lege eletorale discriminatòria chi at adduidu a 4 fèminas ebbia de intrare in s’Assemblea Regionale Majore. Una farta de rapresentàntzia chi at marcadu a manera làdina sa distàntzia intre sa classe polìtica e su mundu de sas fèminas. Rapresentantes autorevoles de sa sotziedade tzivile, culturale e acadèmica de sa Sardigna si unint a sa batalla chi su ‘Coordinamentu3 – Fèminas de Sardigna’ est faghende pro su retzepimentu de sa lege istatale n.20/2016, chi disciplinat s’adeguamentu de sas leges eletorales de cada regione, in ue est prevèdidu su sistema de sas preferèntzias e chi introduet sa Preferèntzia Acrobada de Gènere. S’aprovatzione in àula de sa norma, diat risòlvere cuddu vulnus costitutzionale chi diat abarrare in intro in casu de aprovatzione mancada dàbbile. Gasi chi damus un’aprètziu forte a sos Cussigeris chi si nche sunt postos a favore de su chi pedimus nois e una cramada a sos chi imbetzes, angenos a s’afermatzione de sos deretos de democratzia e tzivilidade, ant a pèrdere s’ocasione pro bìnchere s’egoismu issoro e contribuire cun sos fatos a s’emantzipatzione e a su progressu de sa Regione nostra. Si martis sa preferèntzia de gènere acrobada at a èssere botzada a manera cobarda, cun votu segretu, comente sas ùrtimas trassas nos faghent creere, sos responsàbiles de custa violatzione iscarada de su deretu, depent ischire chi no ant pèrdere su votu nostru ebbia, ma chi nois amus a cumpònnere una lista de cuddos chi non s’ant a èssere opostos a sa birgòngia de su votu segretu, e de cuddos chi no ant a leare s’impignu craru de votare in favore a sa preferèntzia acrobada de gènere. Custa lista ‘niedda’ at a èssere isparghinada publicamente a fines de cumbidare totu sas eletoras e eletores de Sardigna a negare su votu issoro a sos candidados chi siant presentes in sa lista matessi.

Casteddu, 19 onniassantu 2017

Letto, firmato e sottoscritto
dalla Segreteria Organizzativa del Coordinamento3-Donne di Sardegna e da un gran numero di Sindache e amministratrici ; da esponenti della politica regionale e nazionale; del giornalismo, del mondo accademico, della cultura, della ricerca scientifica, delle professioni, degli organismi di parità; delle associazioni.
Carla Puligheddu, Simonetta Corongiu, Rita Corda, Carla Medau, Rita Mameli, Simonetta Sotgiu, Antonietta Mazzette, Paola Secci, Pupa Tarantini, Manuela Pintus, Paola Casula, Rossella Pinna, Carmina Conte, Luisa Marilotti, Susi Ronchi, Bruna Biondo, Patrizia Desole, Claudia Onnis, Maria Antonietta Mongiu, Attilio Mastino, Franca Mandis, Daniela Falconi, Silvia Trois, Ida Gasperini, Denise Murgia, Ester Corrias, Irene Spiga, Ivana Dettori, Rina Salis, Marcella Sitzia, Sabrina Sassu, Marianna Scioni, Ester Corrias, Linda Gioi, Alessandra Pusceddu, Manuela Mascia, Pepe Corongiu, Giommaria Ventura, Marilena Coni, Carmen Marongiu, Stefania Mulas, Rita Nonnis, Anthony Muroni, Francesca Ena, Marcella Chirra, Francesca Atzori, Rita Polo, Andrea Zucca, Caterina Deidda, Rosa Maria Millelire, Francesca Olla, Anna Paola Marongiu, Salvatore Masia, Chiara Cortese, Giuseppe Scarpa, Marianna Fenu, Giovanna Lallai, Loredana Sanna, Matteo Lecis Cocco Ortu, Caterina Pes, Rita Pintus, Mariassunta Pisano, Giuseppina Vacca, Rosalina Locci, Bustianu Cumpostu, Marianna Bulciolu, Monica Cadeddu, Ivana Fulghesu, Debora Porrà, Anita Pili, Ilaria Collu, Angela Loi, Ombretta Pirisinu, Carla Lecca, Renzo Soro, Gianbattista Ledda, Fabrizio Rodin, Fabrizio Serra, Francesco Piredda, Serena Massa, Francesca Lilliu, Pina Puddu, Orsola Apice, Vittorina Baire, Sonia Martinelli, Ester Tatti, Dessalvi Isabella, Rosalba Crillissi, Giovanna Zedda, Marina Madeddu, Valeria Piras, Roberto Murru, Mariolino Andria, Giuliana Angotzi, Gianna Birardi, Giovanna Tuffu, Michela Padolini, Grazia Toccu, Lidia Fancello,Chiara Furlanetto, Alessandra Addari, Romina Mura, Luisa Murru, Rita Pireddu, Annalisa Motzo, Isabella Murtas, Agostina Boi, Silvia Casu, Luca Belloi, Chicco Fenu, Franca Cicotto, Diego Portas, Gabriella Murgia, Elisabeth Ponti, Roberta Celot, Maria Grazia Marilotti, Sandra Sallemi, Manuela Arca, Luca Foddai, Emilia Agnesa, Antonella Loi, Amedeo Planetta, Maria Grazia Dessì, Marongiu Carmine, Michele Pinna, Elisabetta Dettori, Marco Espa, Monia Matta, Luca Clemente, Marco Benoni, Claudia Camarda, Lucia Cirroni, Diego Loi, Antonio Solinas, Elena Secci, Caterina Orecchioni, Carla Lecca, Simonetta Lucarelli, Rita Pirisi,  Gaetano Ledda, Ornella Porcu, Federica Angius, Cristiana Collu, Piera Bisson, Anna Brotzu, Paola Cireddu, Roberta Secci, Paola Piroddi, Laura Grasso, Giulio Landis, Marcello Congiu, Claudia Soggiu, Teresa Pintus, Maria Grazia Salaris, Linalba Ibba, Erminia Tanda, Giuseppina Perra, Patrizia Saba, Tecla Brai, Maria Tina Maresu, Stefania Crisponi, Annamaria Deidda, Maria Teresa Portoghese, Ravot Francesca, Gigi Serreli, Luisella Derosas, Teresa Vacca, Anna Tifu, Sarah Golme, Luisella Pittalis.

 

Annunci

Un pensiero riguardo “DPG: Appello della Società Sarda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...